07 gen 2011

Gianni Celati


I complessi di inferiorità di Calvino, la grandezza di Beckett, Proust e Totò, il senso degli affari di Tondelli, il darwinismo letterario imprescindibile delle Operette Morali  e altro ancora in questa bella intervista del Riformista a Gianni Celati.
da leggere

Cerca nel blog