03 apr 2012

povera italia

dite quel che vi pare, ma a me, in una situazione del genere, con poveri cristi che si danno fuoco, e la merda che non galleggia più ma si estende in rocciose concrezioni sempre più massicce, imponenti, e nomi e cognomi che sanno tutti, che vedi ogni giorno, quelli che lo solidificano ogni giorno, 'st'enorme cemento di merda che ha seppellito un paese ormai patetico, nomi e cognomi di figuri penosi che non temono di uscire per strada - e dovrebbero, eccome, se dovrebbero - e piuttosto ostentano la certezza più lussuosa di tutte, quella dell'impunità, ecco, che tutto ancora non esploda, ma davvero, proprio non mi pare un indizio di salute...

Cerca nel blog